Impeachment, Trump attacca: “E’ un colpo di Stato”

Dura offensiva del presidente e della sua amministrazione contro l’inchiesta per la messa in stato d’accusa del capo della Casa Bianca. Pompeo accusa i democratici di “intimidazione, bullismo e trattamento improprio” dei funzionari del dipartimento di Stato chiamati a testimoniare


WASHINGTON – Donald Trump e la sua amministrazione rompono gli indugi e vanno all’assalto dei democratici e dell’inchiesta per la messa in stato d’acussa del presidente. Trump su Twitter parla di “colpo di Stato” mentre il suo segretario di Stato Mike Pompeo accusa i democratici di “intimidazione, bullismo e trattamento improprio” a proposito dei funzionari del dipartimento di Stato chiamati a testimoniare nell’ambito dell’indagine sulla telefonata fra il presidente e il suo omologo ucraino Zelenskij per danneggiare Joe Biden, probabile candidato dem alle elezioni del 2020 .

“Sono arrivato alla conclusione che quello che sta avvenendo non è un impeachment. E’ un colpo di Stato – ha scritto Donald Trump su Twitter – volto a prendere il potere delle persone, i loro voti, le loro libertà, il loro secondo emendamento, la religione, l’esercito, il muro al confine, e i loro diritti di cittadini degli Stati Uniti d’America!”.

Un attacco durissimo anticipato da alcune mosse di Pompeo. Il segretario di Stato ha fatto sapere i funzionari del suo dipartimento non testimonieranno. “Sono preoccupato – ha twittato durante la sua visita in Italia – da alcuni aspetti della richiesta della commissione, che possono essere ritenuti solo un tentativo di intimidazione, bullismo e trattamento improprio di diversi professionisti del dipartimento di Stato”. Poi in un secondo tweet aggiunge: “Lasciatemi essere chiaro: non tollererò queste tattiche e userò tutti i mezzi a mia disposizione per evitare e denunciare ogni tentativo di intimidire i professionisti zelanti che sono orgoglioso di guidare e con cui sono orgoglioso di prestare servizio al dipartimento di Stato”. Allo stesso Pompeo è stato ordinato di consegnare i documenti necessari ai deputati per l’indagine formale di impeachment.

Alla presa di posizione di Pompeo hanno risposto i presidenti di tre commissioni della Camera che hanno detto di aspettarsi dal segretario di stato Mike Pompeo “piena ottemperanza”, dopo il suo rifiuto di far deporre alcuni dirigenti del dipartimento nell’indagine di impeachment su Trump. “Ogni sforzo di intimidire testimoni o impedire loro di parlare al Congresso è illegale e costituirà prova di ostruzione della giustizia”, hanno replicato, accusando Pompeo di proteggere se stesso dato che partecipò alla controversa telefonata di Trump col presidente ucraino.

Intanto l’ex inviato Usa in Ucraina, Kurt Volker, fresco di dimissioni, sarà il primo testimone dell’inchiesta sul possibile impeachment. Secondo la Cnn, Volker ha confermato che parlerà in audizione giovedì come previsto nonostante il niet di Pompeo. Volker, stando all’emittente americana, intende invece rispettare il mandato. L’ex inviato di Washington per l’Ucraina sarebbe stato direttamente coinvolto nel Kiev-gate, organizzando incontri tra il legale personale di Trump, Rudy Giuliani, e il presidente ucraino Volodymyr Zelenskij.

FONTE: La Repubblica

Posted in: Estero, Politica

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...