Germania, ergastolo infermiere killer. “Il numero dei morti supera l’umana immaginazione”

I parenti delle vittime hanno reso nota la loro intenzione di denunciare i due ospedali in cui il 42enne ha compiuto le stragi

Oldenburg (Germania), 6 giugno 2019 – Lo considerano il serial killer più prolifico del dopoguerra, in Germania. Si tratta di Niels Högel, professione infermiere, che ha ricevuto la condanna all’ergastolo per l’omicidio di 85 pazienti che erano stati affidati alle sue cure. Il giudice Sebastian Buehrmann, del tribunale di Oldenburg, nel nord-ovest della Germania, non ha nascosto il profondo turbamento che il caso gli ha procurato, arrivando a definire la follia omicida di Högel “incomprensibile”.

GLI OMICIDI

L’omicida seriale 42enne ha assassinato pazienti selezionati a caso, con iniezioni letali, tra il 2000 e il 2005; a fermare la mattanza fu il fatto che venne colto in flagranza di reato. Högel si trova in prigione da circa dieci anni dopo una precedente condanna, sempre all’ergastolo, per altri sei omicidi. Per portare a termine l’inchiesta e formulare le accuse contro l’infermiere è stata necessaria la riesumazione e l’autopsia di oltre 130 corpi. Ma il quadro generale potrebbe essere ancora più terrificante: la polizia sospetta infatti che il bilancio delle vittime di Högel possa esseresuperiore a 200. A causa di alcune lacune nella memoria dell’imputato e del fatto che molte delle presunte vittime sono state cremate prima di essere sottoposte all’esame autoptico, la corte non è stata in grado di averne la certezza circa il numero degli omicidi.

“OLTRE L’IMMAGINAZIONE UMANA”

Il giudice ha dichiarato che il numero di morti causati da Högel “supera l’immaginazione umana”, per poi rivolgere all’ex infermiere queste parole: “La tua colpa è insondabile. A volte i peggiori incubi non riescono a cogliere la verità”. Buehrmann si è poi rammaricato perché la corte non è stata “pienamente in grado di sollevare la nebbia” su tanti casi lasciando i parenti di diverse vittime senza risposte. In occasione dell’ultima udienza, tenutasi mercoledì, il condannato ha chiesto perdono alle famiglie delle sue vittime: “Mi piacerebbe sinceramente scusarmi per tutto ciò che vi ho fatto nel corso degli anni”, ha detto.

I PARENTI DELLE VITTIME

Christian Marbach, il cui nonno è stato ucciso da Högel e che è diventato portavoce delle famiglie delle vittime, ha accolto con favore il “verdetto ampio e chiaro”. Ma ha sottolineato che ci si augurava di offrire una risposta anche alle famiglie di tutte le vittime che si sospetta abbiano perso la vita a causa del seria killer. Le famiglie intendono ora denunciare i due ospedali in cui Högel ha perpetrato le sue stragi. Högel, che inizialmente aveva ammesso di aver ucciso 100 pazienti, ha successivamente rivisto la sua dichiarazione. Ora dice di aver commesso 43 omicidi ma ne ha negati altri cinque. Per i restanti 52 casi esaminati dal tribunale, afferma di non ricordare.

FONTE: Quotidiano.net

Posted in: Estero

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...