Roma, allarme sul Campidoglio: a rischio crisi di liquidità

L’equazione del debito pregresso della Capitale, i 12 miliardi di euro di passivo accumulati prima del 2008 e il cui pagamento è affidato a un commissario straordinario, ha una e una sola soluzione possibile: la norma salva-Roma così com’era scritta prima che Matteo Salvini la dimezzasse nel drammatico consiglio dei ministri in cui Lega e Cinque Stelle hanno sfiorato la rottura.

Che non ci sia altra soluzione all’accollo di un pezzo del debito da parte dello Stato, lo ha spiegato lo stesso commissario al debito, Alessandro Beltrami, che ieri è stato ascoltato in Commissione bilancio alla Camera. Il testo del salva-Roma uscito dal consiglio dei ministri dopo gli stralci voluti da Salvini è un pasticcio pericoloso non solo per il Campidoglio, ma anche per il Tesoro. Beltrami ha spiegato che tutte «le criticità» che oggi è chiamato ad affrontare lui, si scaricheranno sui conti della Capitale. Di che criticità si tratta? Di una «crisi di liquidità» prevista per il 2022 e che durerà fino al 2034. Significa che per più di 10 anni i 300 milioni che versa lo Stato e i 200 milioni che versano i romani con l’addizionale Irpef del 4 per mille, non saranno sufficienti a ripagare le rate dei mutui. E questo nonostante la Cassa Depositi e Prestiti abbia accettato di allungare le scadenze di vecchi mutui per 1 miliardo di euro concessi al Comune di Roma fino al 2048 riducendo, ma non eliminando, l’ammanco di cassa. Questo anche perché le banche private, Intesa e Dexia su tutte, che vantano 78 contratti di mutuo per 2,4 miliardi di euro, non hanno accettato una rinegoziazione simile a quella concessa dalla Cassa al commissario. Beltrami ha anche spiegato che l’altra strada possibile, farsi anticipare delle somme scontando i futuri contributi dello Stato, non è conveniente, avrebbe dei costi elevatissimi in termini di interessi da riconoscere alle banche.

FONTE: Il Messaggero

Posted in: Cronaca

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...