Napoli, omicidio dello zainetto: fermati sette del clan D’Amico-Mazzarella

Immediata la risposta dello Stato dopo l’ennesimo episodio di violenza cittadina, culminato nel ferimento – in piazza Nazionale – di una bambina di soli quattro anni.

Doppio colpo di polizia e carabinieri a san Giovanni a Teduccio, vale a dire l’epicentro della faida tra clan Rinaldi e Mazzarella: sette fermi sono stati eseguiti a carico di altrettanti esponenti del clan D’Amico (quindi vicini ai Mazzarella) per l’omicidio di Luigi Mignano dello scorso nove aprile, nel cuore del rione Villa: sono i responsabili dell’agguato a pochi passi dalla scuola Vittorino Da Feltre, quello in cui viene ucciso un uomo che stringeva la mano del nipotino che stava andando a scuola, all’asilo, fiero del suo zainetto di spiderman (poi abbandonato a pochi passi dal luogo del delitto.

Ma non è tutto. Eseguita anche una ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 5 appartenenti al clan camorristico Formicola per gli omicidi dei fratelli Massimo e Salvatore Petriccione avvenuti il 29 giugno 2002 e l’8 marzo 2004.

Inchiesta coordinata dalla procura di Gianni Melillo, al termine del lavoro del pm Antonella Fratello e dell’aggiunto Giuseppe Borrelli.

FONTE: Il Mattino

Posted in: Cronaca

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...