Alunna molestata in gita: prof si mette di traverso e la polizia arresta maniaco

Una studentessa di 17 anni è stata molestata a Termini, mentre stava partendo per una gita: grazie all’intervento del docente le forze dell’ordine hanno preso il maniaco

Una ragazza di 17 anni è stata molestata da un maniacoalla stazione Termini di Roma mentre stava partendo con i compagni di scuola per la gita di classe.

L’episodio nel pomeriggio di domenica (14 aprile, ndr), quando la scolaresca accompagnata dai professori stava raggiungendo i binari per partire verso la destinazione. La minorenne era in fondo alla fila quando un uomo, all’improvviso, l’ha assalita alle spalle e l’ha bloccata: il manico si è strusciato addosso alla giovane e le ha palpato il seno, provando anche a infilare le mani dentro i pantaloni della sua preda.

La ragazza si è messa a urlare e lo squilibrato si è dileguato tra la folla: grazie alla prontezza di riflessi del professore, che ha invitato la sua alunna a guardare tra la fiumana di gente e a individuare l’aggressore sessualein fuga, è stato possibile rintracciare e arrestare il malintenzionato, così come riportato da Il Messaggero.

La vittima, infatti, ha incrociato lo sguardo con il maniaco e grazie all’immediato identikit fornito alla polizia che presidia lo scalo ferroviario capitolino, gli agenti – sollecitati e ben informati dal docente – hanno identificato e fermato l’uomo, un italiano; nel frattempo la teenager è stata assistita da una poliziotta donna e da una psicologa della polizia

Il bruto, in arresto, è accusato di violenza sessuale su minore

FONTE: Il Giornale

Posted in: Cronaca

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...