Caso Diciotti, la consultazione su Rousseau: in Rete il no della base

La scelta di assegnare alla piattaforma online Rousseau il compito di decidere la posizione che i senatori M5S dovranno avere domani, quando la giunta per le Autorizzazioni del Senato deciderà se concedere o meno l’autorizzazione a procedere per Matteo Salvini sul caso della nave Diciotti, ha destato perplessità all’interno dei Cinque Stelle.

Il dissenso espresso in Rete si è concentrato su due aspetti: per alcuni il quesito è stato espresso con un formula sbagliata; altri hanno criticato la decisione di delegare alla piattaforma una scelta che i senatori pentastellati avrebbero dovuto prendere in autonomia.

Le perplessità corrono in Rete
Le critiche corrono soprattutto in Rete, emblema della democrazia diretta sostenuta dal Movimento. Alcune si concentrano sul quesito: «State agendo proprio come fanno sempre gli altri partiti per girare la frittata, e questo non mi piace per niente – scrive Luca -. La domanda esatta doveva essere: “Volete concedere l’autorizzazione a procedere?”. In modo che SI voglia dire SI, e NO voglia dire NO». «Cercate di fare i furbi anche nelle procedure del Si e del No per confondere – osserva Bruno -. Non ci vuole una pagina di spiegazione». Altre critiche si concentrano sulka scelta di affidare alla piattaforma il compito di definire la posizione che i senatori pentastellati dovranno avere al momento del voto in giunta.

Daniele parla di «una votazione di distrazione di massa!!!! Vota SI, Vota NO, ma di che stiamo parlando la costituzione parla chiaro, il parlamento deve votare l’autorizzazione o no, i cinque stelle chiedono ai propri iscritti se Salvini ha agito per interesse pubblico?». «È allarmante che non si abbia il coraggio di prendere una decisione politica», aggiunge.

L’uscita del fondatore Grillo
Il fondatore Beppe Grillo è intervenuto sul tema con la carta del sarcasmo: «Se voti Sì vuol dire No. Se voti No vuol dire Sì. Siamo tra il comma 22 e la sindrome di Procuste!…», ha scritto in un tweet. Il comico ha fatto riferimento al celebre paradosso del romanzo Comma 22 di Joseph Heller (dove la facoltà di scegliere è solo apparente) e la sindrome che indica, in una persona, il disprezzo per chi è considerato avere un maggior successo. «La mia era solo una battuta, montata ad arte contro il M5S», ha poi chiarito. «Piena fiducia nel capo politico Luigi Di Maio».

La lettera delle senatrici Nugnes e Fattori
L’8 febbraio le senatrici pentastellate Paola Nugnes ed Elena Fattori hanno scritto una lettera a Luigi Di Maio e a Grillo, e per conoscenza al presidente della Camera Roberto Fico, nella quale hanno chiesto di lasciare i senatori liberi di prendere una decisione. La scelta di delegare alla piattaforma il compito di sciogliere il nodo, è il ragionamento delle due senatrici, è stata considerata inadeguata. Nugnes e Fattori hanno spiegato che non hanno ricevuto risposta, e per questo motivo hanno girato all’Huffington Post.

Da Raggi, Appendino e Nogarin No all’impunità di Salvini

Il caso Diciotti ha registrato anche una presa di posizione da parte dei sindaci pentastellati di Roma, Torino e Livorno. Virginia Raggi, Chiara Appendino e Filippo Nogarin in una lettera al Fatto Quotidiano hanno spiegato perché direbbero No all’impunità per Salvini. La tesi è, per ricorrere a una formula, che ci si difende nei processi, non dai processi. «Ingigantite mie parole su caso Diciotti. Chiariamo subito un punto: sostegno pieno alla linea scelta da @luigidimaio», ha poi frenato Raggi su twitter.

FONTE: Il Sole 24 Ore

Posted in: Politica

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...