‘Ndrangheta in Veneto, sette arresti e perquisizioni da Verona a Crotone contro la famiglia Multari

L’operazione del Ros contro la organizzazione criminale ha documentato, per la prima volta nella regione, l’operatività di un gruppo “in raccordo con imprenditori locali”

Sette arresti, cinque in carcere e due ai domiciliari, e 20 perquisizioni tra le province di Verona, Venezia, Vicenza, Treviso, Ancona, Genova e Crotone. L’operazione del Ros contro la ‘ndrangheta ha documentato, per la prima volta in Veneto, l’operatività di un gruppo “in raccordo con imprenditori locali”. Il blitz, contro la famiglia Multari, è l’epilogo dell’inchiesta iniziata nel 2017 dalla Dda di Venezia, che ha permesso di ricostruire le azioni di un gruppo familiare trasferitosi nel veronese da oltre 30 anni. I reati, contestati a vario titolo, sono estorsione, violenza o minaccia per costringere a commettere un reato, trasferimento fraudolento di valori, resistenza a pubblico ufficiale, incendio, minaccia, tentata frode processuale, commessi con modalità mafiose.

Secondo gli inquirenti è la famiglia cutrese dei Multari, legata alla cosca di Grande Aracri Nicolino e composta dai fratelli Domenico, Carmine e Fortunato, nonché da Antonio e Alberto, figli di Domenico, è da anni responsabile reati commessi, con la complicità di soggetti residenti nelle province di Crotone e Venezia, con l’aggravante del “metodo mafioso”. Tra questi le estorsioni contro alcuni imprenditori Veneti e l’incendio di uno yacht 2015 mentre si trovava ormeggiato nel porto di Alghero.

Stando alle indagini benché Domenico Multari avesse subito la misura di prevenzione con il sequestro dei beni, era riuscito a impedirne la vendita all’asta con contratti simulati di vendita a prestanomi: nel mirino sarebbero finiti anche i pubblici ufficiali che, in più occasioni, andavano a casa dei Multari, per le quali era stata stabilita la vendita all’asta da parte del Tribunale Civile di Verona, nel tentativo di far desistere eventuali parti interessate all’acquisto degli immobili dopo averli visionati, con la conseguenza che le aste andavano deserte e gli immobili acquistati a prezzi estremamente vantaggiosi dai prestanome. I carabinieri hanno anche documentato imprenditori e comuni cittadini, pienamente consapevoli dello spessore criminale si rivolgevano alla famiglia per risolvere ogni tipo di problematica economica e privata, preferendolo agli apparati statali.

FONTE: Il Fatto Quotidiano

Posted in: Cronaca

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...