Festival di Sanremo 2019, la diretta. Il cazziatone di Ornella Vanoni a Virginia Raffaele: “Mi hai dato della maniaca sessuale, non sono rincoglionita” – FOTO e VIDEO

All’urlo di “Claudio, Claudio, Claudio!” dal parte del pubblico in platea, inizia il terzo appuntamento con il Festival di Sanremo. Immancabile la “tassa” proveniente dal repertorio di Baglioni: stasera tocca Viva L’Inghilterra. “Anche questa sera siamo vivi”: il dirottatore artistico presenta i suoi compagni d’avventura, una Virginia Raffaele vestita finalmente con un abito meraviglioso e un Bisio gasato, che debutta subito prendendo in giro Baglioni.

LA GARA – “Soldi, soldi, soldi”. La gara comincia con il tormentone di Mahmood: funziona (e sta già andando fortisismo in radio). Nigiotti si becca un applauso lunghissimo: punta al podio?

Claudio Bisio sale sul palco con un reperto di grammofono trovato nel backstage dell’Ariston: “Forse i più giovani non sanno neanche cosa sia, mentre i più vecchi avranno un effetto nostalgia”. Lo aziona e “prende vita” con la voce di Virginia Raffaele, che intona (alla grande) Mamma Son Tanto Felice. Lo fa magistralmente: il grammofono s’inceppa, si spegne, si riaccende, accelera la velocità. E lei sta al ritmo. Ecco, sono queste le cose che funzionano di Virginia Raffaele e che fa fare bene. Ci voleva tanto?

Bisio, prima di presentare Anna Tatangelo,replica lo sketch sugli haters proposto ieri sera. Ne legge uno: “Perché non parli del traffico di organi? Forse perché non ti pagano? Vai Bisio, vai a metterti il rolex”. Luilo blasta: “Cercavo un nesso tra me, il Rolex e il traffico di organi: non l’ho trovato. Però, spero di non fare gaffe, posso dire essere contrario al traffico di organi, e anche alla tratta delle bianche e delle sparatorie”.

Ultimo vuole arrivare primo (sì, è una battuta che non fa neanche ridere), ma il pezzo non decolla.

Bisio e Raffaele vogliono rispondere alla violenza cercando di lanciare un messaggio di armonia intonando Ci vuole un fiore di Sergio Endrigo. Ma qualcosa va – volutamente – storto: ci si perde per dieci minuti in storture come filtro, Floris, fiordo, flipper al posto di “fiore”. Bisio finge di perdere la pazienza: “Virginia, Veniamo qui a cantare la purezza e non ne becchi una giusta”. Poi entra in scena un coro. Ma lo sketch non decolla mai.

Intanto sui social Striscia la notizia sfotte la tinta di Venditti: “Attenzione, vernice fresca”. Poco carini.

Irama si presenta sul palco con una giacca di dubbio gusto (e verrebbe voglia di salutare anche stasera il costumista dei Casamonica). “Bella giacca”, gli dice Bisio a fine esibizione.
GLI OSPITI – “Nata sotto il segno dei pesciiii”: si fa il karaoke con uno scongelato Antonello Venditti. Solo lui può salire sul palco dell’Ariston in jeans, ma poco importa: ha il suo perché. Baglioni lo raggiunge e lo porta in platea, ma lui si infastidisce: “Basta che mi dite dove devo andare. Al regista piace quella telecamera? Ma ne abbiamo tante di là. Ah c’è un trucco? Sul palco c’è gente che lavora… e io che mi chiedevo perché scendere qua”. Alla fine duetta con Baglioni in Notte prima degli esami. Prima di congedarsi, scende in platea con il cappello in mano. No, non chiedere l’elemosina: lo regala a una spettatrice in prima fila.
Ecco Alessandra Amoroso, una “super” ospite con soli dieci anni di carriera. “Viene qui a celebrare la sua carriera”, la presenta Bisio. Mah. Lei canta il suo singolo Dalla Tua Parte con un vestito eccentrico con delle “ali” piene di piume nere, poi duetta con Baglioni su Io che non vivo. “Grazie zio”, dice a fine esibizione: ma a chi si riferisce? Forse a Baglioni? D’altronde ha sempre detto che lo considera uno di famiglia. “Sei stato la prima persona che mi ha dato una mano”, dice al dittatore artistico. Ma, tra l’altro, non è stata la De Filippi la prima a darle una mano? Alla fine, quando le portano i fiori di Sanremo, lei si commuove e piange a dirotto dall’emozione. “Scusate, sono molto emozionata”. Siamo abituati: Sandrina piange sempre.
Virginia, mi hai reso la vita un inferno. Porca puttana. Mi hai fatto passare per rimbambita, maniaca sessuale, pazza”: Ornella Vanoni torna a Sanremo per massacrare la Raffaele che l’ha imitata nel passato. “Ho passato un inferno per te”. Ornellona sembra la sua parodia e il risultato è spassosissimo: le due si prendono in giro a vicenda, si imitano a vicenda. “Ornella, arancione così sembri un cerino”. Poi presenta la sua amica Patty Pravo, che va a salutare (anche se non avrebbe potuto). “A una certa età si fa quel che si vuole. Ah, volevo dire alla Rai che sono qui gratis. Mai più aggratis. L’ho fatto solo per te Virginia”.

FONTE: Il Fatto Quotidiano

Posted in: Cronaca

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...