Sea watch: blitz parlamentare a bordo: “Fare sbarcare tutti subito!”

Riccardo Magi, Nicola Fratoianni e Stefania Prestigiacomo hanno aggirato il veto di Salvini. Con un gommone a noleggio sono riusciti a salire sulla nave al largo di Siracusa per verificare le condizioni dei 47 in mare da 9 giorni

PALERMO – Hanno affittato un gommone, beffato il controllo della Capitaneria di porto, che ieri aveva impedito loro di raggiungere la nave, e sono riusciti a salire a bordo. Il nono giorno in mare della Sea Watch si apre con l’inattesa visita dei tre parlamentari da due giorni a Siracusa. Riccardo Magi, Nicola Fratoianni e Stefania Prestigiacomo sono a bordo della nave umanitaria per verificare le condizioni dei 47 migranti soccorsi nel Mediterraneo nove giorni fa.
“Siamo saliti a bordo nonostante i divieti per esercitare i nostri diritti e doveri di parlamentari – dice Riccardo Magi di +Europa – siamo qui per verificare le condizioni dei passeggeri e dell’equipaggio. Chiediamo che siano fatti sbarcare tutti immediatamente!”. “Chiediamo il rispetto delle norme internazionali – aggiunge Nicola Fratoianni – in rispetto delle quali ai naufraghi e all’equipaggio deve essere consentito di scendere a terra”.
A preoccupare sono soprattutto le condizioni dei 13 minori, 8 dei quali non accompagnati, che il ministro Salvini si rifiuta di far scendere nonostante la sollecitazione del procuratore dei minori di Catania Caterina Ajello.
A bordo della Sea Watch, che batte bandiera olandese, c’è anche il sindaco di Siracusa, Francesco Italia, e alcuni attivisti che hanno portato sulla nave generi di prima necessità.

I 47 migranti sono stati salvati dalla Sea Watch 3 in acque libiche. Il porto di Siracusa resta chiuso per ordine del ministro dell’Interno Matteo Salvini, nonostante le molte voci levatesi a favore dello sbarco. “Non cambio idea”, dice il vicepremier, che minaccia di inviare la polizia a bordo per indagare per favoreggiamento di immigrazione clandestina.

Dopo il rifiuto di far sbarcare anche i soli minori non accompagnati, la Cei si è detta disponibile ad accoglierli. Il deputato radicale di +Europa Riccardo Magi, ora a bordo, aveva denunciato sabato: “A me e ad altri parlamentari è stato impedito di salire a bordo, violato esercizio prerogative”.

FONTE: La Repubblica

Posted in: Politica

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...