Lorenzo Musetti trionfa agli Australian Open: il 17enne toscano vince il torneo juniores

Classe 2002, ha battuto in finale Emilio Nava in rimonta. Finisce 4-6, 6-2, 14-12. Dopo la finale agli Us Open 2018, primo trofeo per la promessa azzurra del tennis


Sorride l’Italia del tennis, e festeggia Lorenzo Musettidetto Lollo solo per i più intimi: classe 2002, festeggerà a marzo i suoi 17 anni con il trofeo degli Australian Open in bacheca. Il teenager di Carrara ha trionfato a Melbourne, aggiudicandosi il torneo juniores dello Slam.
Non c’era mai riuscito un italiano prima, e il suo exploit completa il mosaico: in passato, infatti, a livello sempre juniores, Barazzutti e Gaudenzi avevano vinto il Roland Garros, Nargiso e Quinzi Wimbledon, Gaudenzi gli US Open.
Musetti ha battuto in finale lo statunitense di origine messicana Emilio Nava, e ha dovuto rimontarlo dopo aver perso il primo set 6-4. Ma, forte dell’esperienza della finale già giocata a New York l’anno scorso, ha tenuto duro e vinto il secondo set 6-2, grazie anche ai buoni consigli del suo coach, Simone Tartarini.

Il terzo set è stato molto intenso, con due giocatori fisicamente simili e con la stessa voglia: la differenza è stata proprio nei singoli punti, con l’azzurro bravo a sfruttare gli errori non forzati dell’avversario. Ma l’equilibrio è rimasto intatto fino al tie-break, senza che nessuno offrisse all’avversario delle chances. Il gioco decisivo è iniziato subito bene per Musetti, che si è portato sul 2-0, ma Nava ha replicato immediatamente. Musetti s’è riportato avanti, ma è stato raggiunto sul 5-5. Il botta e risposta è continuato fino all’8-8, e il primo match point è stato proprio per l’azzurro, annullato però da Nava con uno smash.

Ma l’occasione è stata solo rimandata, perché Musetti è andato a servire sul 10-9 e ha tentato l’ace sulla seconda palla, uscita davvero di un millimetro. Ma, ancora, non si è distratto e ha costretto Nava ad annullargli un terzo match point. Poi è stato Musetti a difendersi, e l’altalena di emozioni è stata interrotta solo dopo ventisei scambi e al quarto match point: 14-12 ed esplosione di gioia.

Da Melbourne dunque belle notizie: va ricordato come in semifinale fosse arrivato anche Giulio Zeppieri, classe 2001 di Latina, sconfitto proprio da Musetti nel derby. Dunque un chiaro segnale di risveglio del tennis italiano, dopo che nel 2018 abbiamo assistito alla semifinale di Cecchinato e all’ascesa di Berrettini, 22enne più che promettente.

“Ma ora comincia il bello” ha ammonito Filippo Volandri, responsabile tecnico di Tirrenia, dove sia Musetti che Zeppieri si appoggiano e sono supervisionati. “Noi li seguiamo da un paio d’anni ormai, sebbene loro lavorino benissimo con i loro tecnici di fiducia. Ma sanno che questi tornei non devono essere l’obiettivo, ma lo strumento per approdare nel circuito maggiore. La sfida è solo all’inizio”.

FONTE: La Repubblica

Posted in: Sport

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...